Back

Il consorzio SMART-MET conclude l’installazione di 1500 contatori intelligenti in cinque siti europei

Azienda

Il consorzio SMART-MET conclude l’installazione di 1500 contatori intelligenti in cinque siti europei

I sette gestori idrici partner nel progetto di ricerca SMART.MET, finanziato dall’Unione Europea, hanno concluso la fase di installazione dei 1500 prototipi di due tipologie differenti di contatori intelligenti in cinque diversi siti di test in tutta Europa.

L’obiettivo del progetto di ricerca e innovazione SMART.MET – Appalto pre-commerciale (PCP) per la misurazione intelligente dei consumi idrici, finanziato nell’ambito del programma Horizon2020, è guidare lo sviluppo di nuove soluzioni innovative per la raccolta e la gestione dei dati di misurazione intelligente, attraverso un appalto pre-commerciale congiunto (PCP). L’ appalto pre – commerciale,  lanciato congiuntamente da sette gestori idrici  partner del consorzio SMART.MET, è stato realizzato secondo la legge italiana ed è articolato in tre fasi: Fase 1 – incentrata sulla esplorazione e progettazione di nuove soluzioni (completata a  Marzo 2019); Fase 2 – incentrata sullo sviluppo di prototipi operativi delle soluzioni selezionate (completato a Marzo 2020); Fase 3– finalizzata alla sperimentazione sul campo dei prototipi (in corso).

Il consorzio SMART.MET ha annunciato che le sette utilities coinvolte nel progetto di ricerca hanno concluso l’installazione di 300 prototipi in cinque diversi siti di test (1500 in totale). I prototipi sono stati forniti dalle due aziende, Telereading (Italia) e Hydroko, Ng (Belgio), che si sono aggiudicate l’ultima fase dell’appalto pre – commerciale (PCP). I prototipi delle due società avevano precedentemente superato un test tecnologico presso i laboratori di Eau de Paris (Francia) e Budapest Waterworks (Ungheria), due dei sette gestori idrici partner del consorzio.

I prototipi installati saranno testati nei seguenti siti, gestiti dalle utilities coinvolte nel progetto, fino a fine settembre 2021:

  • Nella Regione di Sélestat (Francia) gestiti da Syndicat des Eaux et de l’Assainissement Alsace-Moselle (SDEA) un’autorità che riunisce i Comuni e gli organismi di cooperazione intercomunale, la Comunità Urbana di Strasburgo, e il dipartimento del Basso Reno,
  • A Vicenza (Italia) gestiti da VIVERACQUA, un consorzio di 12 gestori idrici della Regione Veneto
  • A Liegi e Herstal (Belgio) gestiti da CILE (Compagnie Intercommunale Liégeoise des Eaux), il secondo gestore pubblico della Vallonia responsabile dell’approvvigionamento e della distribuzione di acqua potabile
  • A Budapest (Ungheria), gestiti da Budapest Waterworks, utility di servizi idrici pubblici che serve 2,3 milioni di clienti nella capitale ungherese
  • A Zafra (Spagna), gestiti da PROMEDIO, un consorzio regionale del governo provinciale di Badajoz, che fornisce servizi di approvvigionamento idrico e raccolta rifiuti ai Comuni della regione.

I servizi idrici pubblici hanno informato i residenti nei siti di test sull’implementazione dei prototipi e hanno fornito loro una scheda informativa sui benefici dei contatori intelligenti, disponibile anche online.

Attraverso i test sul campo, i gestori dei servizi idrici verificheranno fino a che punto le caratteristiche principali dei prototipi soddisfino i requisiti funzionali e prestazionali definiti nel PCP. Queste soluzioni innovative dovrebbero fornire un nuovo sistema di misurazione intelligente dei consumi idrici, più efficiente e meno costoso, che contribuirà a migliorare le prestazioni dei gestori e il servizio clienti.

Il nuovo contatore intelligente dell’acqua consentirà alle utilities di ridurre i costi operativi e di stabilire le priorità e pianificare meglio i loro investimenti nel rinnovamento delle infrastrutture. In particolare, i gestori saranno in grado di ottenere dati di misurazione precisi in tempo reale sulla rilevazione di perdite e/o danni alla rete e di informare meglio gli utenti sui loro consumi idrici, a beneficio sia dell’ambiente (meno sprechi) che degli utenti finali (bollette più basse).

I risultati del progetto SMART.MET (PCP per la misurazione intelligente dei consumi idrici) saranno presentati alla conferenza conclusiva alla fine di quest’anno.

Informazioni su SMART.MET – appalto pre – commerciale (PCP) 

SMART.MET (PCP for Water Smart Metering) è un progetto europeo finanziato nell’ambito del programma di ricerca Horizon 2020, avviato nel 2017.

Il progetto SMART.MET, coordinato dall’ Office International de l’Eau (OIEau), mira a promuovere la ricerca orientata alla domanda nello sviluppo di nuovi contatori intelligenti innovativi che soddisfino pienamente le esigenze dei gestori idrici.

La misurazione intelligente dei consumi idrici affronta efficacemente le sfide con cui opera la maggior parte delle utilities europee, dagli eventi estremi indotti dai cambiamenti climatici, alla necessità di sostituire le infrastrutture obsolete. In effetti, fornire accesso a dati precisi in tempo reale contribuisce a ridurre i costi operativi e ad intervenire sulle priorità di investimento in infrastrutture, migliorando al contempo la gestione quotidiana delle reti e dei servizi alla clientela.

Il gruppo stazioni appaltanti è composto da sette gestori europei dei servizi idrici di cinque diversi Stati membri che si sono riuniti nel progetto SMART.MET per guidare lo sviluppo di nuove tecnologie basate su piattaforme tecnologiche aperte per la telelettura dei contatori d’acqua.

L’appalto pre-commerciale (PCP) riguarda l’approvvigionamento di servizi di ricerca e sviluppo tecnologico. Si tratta di uno strumento unico per promuovere la concorrenza durante lo sviluppo di soluzioni alternative e di alta qualità, fornendo al contempo una risposta mirata alle esigenze comuni, aprendo altresì nuovi mercati di sbocco per le aziende.

Guidare lo sviluppo di nuove soluzioni per la raccolta e la gestione intelligente dei dati di misurazione dei consumi  idrici.