Prevenzione della corruzione e della trasparenza

Configurandosi acquevenete, ai sensi dell’art.2, lett. p) del d.lgs. 175/2016 (c.d. Madia) quale società quotata per aver emesso alla data del 31 dicembre 2015 strumenti finanziari, diversi dalle azioni, quotati nei mercati regolamentati”, la disciplina in materia di trasparenza risulta applicabile in via residuale, limitatamente ai dati e documenti inerenti l’attività di pubblico interesse.

Per i soggetti individuati all’art. 2-bis, co.3 del d.lgs. 33/2013 non è prevista l’adozione del PTPCT e di altre misure di prevenzione della corruzione.

La soluzione in merito all’individuazione del RPCT è rimessa all’autonomia organizzativa della società sulla base di un’adeguata motivazione in ordine alla scelta.