Indietro

Attenzione alle truffe: un nuovo caso di falsi tecnici acquevenete segnalati a Monselice

Azienda

Attenzione alle truffe: un nuovo caso di falsi tecnici acquevenete segnalati a Monselice

Falsi tecnici dell’acquedotto ancora in azione a Monselice. Una nuova segnalazione è pervenuta ieri allo sportello acquevenete, per un caso verificatosi questa volta nel quartiere Costa Calcinara. Due uomini si sono presentati alla porta di una residente, qualificandosi come un poliziotto e un tecnico del servizio idrico e dicendo che c’era una rottura, con possibile fuoriuscita di gas e rischio di esplosione. Sono quindi entrati in casa e, una volta in bagno, hanno buttato dell’ammoniaca nel lavandino. Quindi hanno chiesto alla signora di prendere soldi e gioielli e metterli in frigo. Avrebbero probabilmente rubato i preziosi, non fosse stato per l’arrivo di due operai di un vicino cantiere, che ha messo in allarme i due malviventi, facendoli fuggire.

Purtroppo sono sempre più frequenti i casi di truffe da parte di falsi tecnici e acquevenete raccomanda quindi ai propri utenti di prestare la massima attenzione. Un altro episodio si è verificato, sempre a Monselice, lo scorso 19 novembre. Con vari pretesti, questi truffatori chiedono di entrare in casa, quindi si fanno consegnare i preziosi, o chiedono di metterli nel frigo da dove poi li ruberanno, oppure creano un diversivo per impossessarsi degli oggetti di valore. 

Va ricordato che il personale di acquevenete non chiederà mai di entrare nelle abitazioni per effettuare analisi dell’acqua, raccogliere dati sensibili degli utenti o chiedere pagamenti di persona

Per qualsiasi dubbio, si consiglia di telefonare al numero verde gratuito del Servizio Clienti di acquevenete 800 99 15 44. Inoltre, è sempre buona norma segnalare eventuali comportamenti sospetti alle Forze dell’Ordine