Indietro

Condotta Ponso - Montagnana - Pojana Maggiore per risoluzione emergenza PFAS

Investimento

Condotta Ponso - Montagnana - Pojana Maggiore per risoluzione emergenza PFAS

Via Ranfolina, 45, 35044 Ranfolina PD, Italy

DESCRIZIONE: l'intervento prevede la posa di oltre 22 chilometri di nuove tubazioni sulla tratta Ponso - Montagnana - Pojana Maggiore, con l'obiettivo chiudere la fornitura di acqua dalla centrale di Madonna di Lonigo (contaminata da PFAS) per i Comuni di Montagnana e del basso vicentino, in particolare Alonte, Asigliano, Orgiano e Pojana Maggiore (gestiti da acquevenete) e Noventa Vicentina (che ha invece come gestore Viacqua). Verrà realizzato a Montagnana un nuovo serbatoio della capacità di 10.000 metri cubi, composto da due moduli della capacità ciascuno di 5.000 metri cubi con annessa centrale di pompaggio, che diventerà una “fonte virtuale”, dove accumulare le “scorte” di acqua prelevate in orario notturno dalle altre fonti, per distribuirle agli utenti nel corso della giornata. Il progetto consente, quindi, di utilizzare al meglio la risorsa idropotabile prelevata a Camazzole, evitando di realizzare nuovi pozzi di prelievo.

Il tracciato di progetto della condotta Ponso - Montagnana è stato previsto in adiacenza a quello della futura S.R. n.10 VAR, in corrispondenza al bordo sud. Quello della condotta di collegamento al nuovo serbatoio di Montagnana si stacca invece dal tracciato della variante SR 10 e prosegue verso nord per raggiungere, dopo l’attraversamento del fiume Frassine, il Comune di Pojana Maggiore lungo la provinciale SP 123 in provincia di Vicenza. Tutte le condotte saranno in ghisa sferoidale.

Si prevede un prolungamento della condotta Monselice-Ponso già esistente, realizzando il nuovo tratto Ponso-Montagnana, per una lunghezza complessiva di 9.260 metri, con una condotta adduttrice del diametro nominale di 600 millimetri. Dal serbatoio di Montagnana partirà la nuova rete di collegamento con la rete di Pojana Maggiore, sempre del diametro nominale di 600 millimetri. Un’altra connessione verrà realizzata con la condotta qui esistente proveniente dalla centrale di Madonna di Lonigo, per alimentare gli altri Comuni dell’area berica. Inoltre, si prevede la realizzazione del tratto di collegamento alla rete di Montagnana, in derivazione dalla condotta per Pojana, in corrispondenza di via Sette Albere all’incrocio con via Fossa di Buoso. Questo tratto di condotta avrà un diametro nominale di 400 mm e una lunghezza di 1.670 metri. Infine, per il funzionamento complessivo del sistema sarà necessario costruire anche 800 metri di nuova condotta a Monselice, come tratto di collegamento con la condotta di adduzione proveniente dai pozzi di Camazzole, con la posa di tubazione in ghisa sferoidale del diametro nominale di 700 mm lungo viale Tre Venezie, via Piemonte e via Veneto.

DATA INIZIO LAVORI: 14/05/2020 consegna provvisoria dei lavori e inizio delle operazioni preliminari; 23/06/2020 consegna definitiva dei lavori 

DATA FINE LAVORI: durata di 700 giorni

IMPORTO TOTALE INTERVENTO:  € 25.000.000 finanziati con fondi ministeriali a disposizione del Commissario straordinario all'emergenza PFAS Nicola Dell'Acqua